VISION AZIENDALE E REALIZZAZIONE DI SE

PDF Stampa E-mail
Scritto da gabriele defrancesco   

OGNI INDIVIDUO, OGNI  ORGANIZZAZIONE O SISTEMA porta con se la tendenza spontanea a tendere all’auto-governo, tutto questo dentro alla complessa rete sociale che costituisce lo sfondo e la base di riferimento di ciascuna.

Ogni sistema, se libero si esprimersi e funzionare, tende alla propria autorealizzazione, secondo il concetto caro alla psicologia umanistica di Abraham Maslow ripreso da John Whitmore (padre fondatore del coaching Umanistico). Tutti abbiamo delle potenzialità da esprimere come singoli individui e/o come organizzazione di individui e strumenti di lavoro.


 

Un' organizzazione sana si autorealizza attraverso il perseguimento della propria mission condivisa e funziona secondo  una reale visione a tendere, un'organizzazione malata è ferma, statica e determina alienazione, noia e conflittualità fra gli individui che vi appartengono.


 

L’individuo ( e più individui costituiscono il sistema di ogni azienda o organizzazione) che decide in autonomia appartiene ad un mondo sociale, ma non ne è controllato e determinato; le decisioni autonome si collocano sempre dentro ad un ambiente complesso in cui l’individuo riceve influenze, proposte, stimoli e motivazioni e in cui si allacciano rapporti di potere, dipendenza, confronto, contrasto e collaborazione,  all’interno della famiglia allargata che costituisce il proprio luogo di lavoro così come  della famiglia di origine.

Ma lavoro e dimensione personale debbono poter coesistere e comunicare, funzionando possibilmente contemporaneamente: mentre lavoro faccio qualcosa di buono anche per la mia crescita personale.

E' possibile non è un'utopia e la conoscenza e la sviluppo delle proprie potenzialità e talenti lo rende possibile , un po' come essere sempre in cammino, piacevolmente.

 
free pokerfree poker